I bambini del sobborgo di Kipsongo ora hanno una scelta: possono andare a scuola

Il Hekima Day Care Center è situato nella baraccopoli Kipsongo a Kitale, in Kenya, una comunità afflitta da carestie, malattie, analfabetismo, l’abuso e il lavoro minorile forzato. Attualmente, ci sono oltre 4.000 abitanti delle baraccopoli di Kitale, quasi la metà ha meno di 16 anni. Ci sono poche chance a loro. Sono costretti dalle loro famiglie a mendicare per il cibo per le strade. La scuola non è un’opzione; circa il 60% dei bambini nati nella baraccopoli non hanno accesso all’istruzione o non può permetterselo.

Questo era il caso, almeno, fino ad agosto 2008. Questo è quando le Suore Buon Pastore del Kenya hanno iniziato affrontando la mancanza di istruzione e di deprivazione nutrizionale affrontato da questi bambini. Le suore hanno avviato per loro una rara opportunità: un centro diurno per i bambini di alcune delle famiglie più povere con servizi di tutoraggio per i paesi in ritardo accademico.

Non è stato un buon inizio, comunque. Lo spazio affittato per il programma di asilo nido era troppo stretto, un problema risolto dal generoso sostegno finanziario di Misean Cara e di altri laici partner. Insieme, hanno permesso alle suore di ampliare la scuola per servire fino a 80 bambini nelle aule. I nuovi impianti non sono solo più grandi, ma sono anche di efficienza energetica. Essi includono: un nuovo edificio con due grandi aule, una cucina, una zona pranzo, un ufficio, una sala consulenza e una sala polivalente che sarà utilizzata dalle donne della baraccopoli coinvolte in altri programmi generatrici di reddito GSS. Un’altra aggiunta è stata un’ area giochi e parco giochi con attività di giardino, che servirà come parte integrante dei moduli didattici.

E grazie alla generosità di Green Utility SpA, che ha finanziato l’installazione di un impianto di gestione delle acque, dei rifiuti per i nuovi servizi igienici e di un impianto a bio-gas per cucinare, la struttura risulta più efficiente e più pulita. Il sistema di efficienza energetica della struttura sta attualmente riciclando circa 2000 litri di acqua, un bene incredibilmente prezioso, ogni giorno.

Inoltre nel 2008 il nido forniva alimenti a 144 bambini, ma con il nuovo spazio ora può provvedere a nutrirne fino a 170 al giorno con almeno un pasto. Il fatto che gli studenti abbiano sufficiente nutrimento ha un buon impatto anche nelle classi. I professori del centro offrono istruzione quotidiana ai bambini in età scolare che restano indietro con gli studi. I genitori, molti dei quali seguono la formazione in un altro progetto GSS nelle vicinanze, il Kitale Shalom Fattoria, sono più impegnati nella educazione dei loro figli, partecipando ai colloqui mensili con gli insegnanti. Il fatto che in questa comunità le gravidanze in età adolescenziale, in coincidenza con un maggior numero di ragazze presenti nella scuola, sono improvvisamente calate può considerarsi il primo grande segno che il centro diurno sta avendo un grande impatto?.

Non sorprende quindi che il numero di bambini che frequentano la scuola di zona è in aumento e che gli standard nutrizionali e di salute dei bambini stiano salendo. Inoltre nella comunità il tasso di criminalità è diminuito di almeno il 20%.

Nei prossimi mesi, le suore e il personale lavoreranno sui seguenti punti:

  • Sostenere l’iscrizione dei ragazzi che si diplomano nella scolarizzazione di governo attraverso sponsorizzazioni locali
  • Raggiungere l’obiettivo di iscrizione di 80 bambini alla volta nelle aule e continuare a nutrire 170 bambini al giorno tramite il programma di alimentazione dell’asilo nido
  • Migliorare il livello generale di salute dei bambini in età scolare e ridurre il numero di gravidanze tra le adolescenti. Tutto ciò produce anche un altro effetto: se le ragazze possono rimanere a scuola, il numero di matrimoni fra adolescenti dovrebbe diminuire
  • Aumentare il livello di responsabilità dei genitori/tutori nei confronti dell’istruzione dei propri figli attraverso un programma che li coinvolga di più nell’educazione dei propri figli

Le suore del Buon Pastore del Kenya sono alla ricerca di un supporto costante in tutti i settori, in particolare finanziario e materiale, al fine di sostenere i bambini attualmente a scuola e per consentirne in futuro l’iscrizione di molti di più.